Perché la Lorenzin non ha chiesto la testa dei creativi…

Per mestiere scrivo. Sono un giornalista e attualmente mi occupo di comunicazione aziendale. Di fatto, quindi, sono quello che molti definirebbero un creativo. Tuttavia, quando mi metto a pensare su determinati argomenti o questioni non mi spaventa tirar fuori un certo pragmatismo.

Ho riflettuto, per esempio, sulla faccenda #FertilityDay e sulle dichiarazioni della Ministra Beatrice Lorenzin che, ospite di ‘Otto e Mezzo’, avrebbe chiesto ai creativi di “prestare la testa” per l’ideazione di una nuova campagna “a titolo gratuito perché ci sono dei bilanci da far quadrare”.

Così ho attivato quel pragmatismo citato sopra. Ho pensato a quale sarebbe stata la reazione di mio padre, meccanico, se un assessore regionale gli avesse chiesto di riparare i decespugliatori e le motoseghe dell’ente gratis.
Me lo sono visto trattenere gli insulti e congedare l’assessore con educazione (forse nemmeno troppa) spiegandogli che i conti da pagare si saldano con il denaro, quello stesso denaro che viene dato in cambio di beni o servizi. Perché sì, a parte concorrere come imprenditore gentile dell’anno, papà avrebbe avuto pure le bollette. E non credo che avrebbe avuto sconti per aver fatto il volontario.

Oggi pomeriggio, quindi, mi è tornata in mente la campagna di #CoglioneNo (riuscitissima questa, cara Ministra!) con la quale un team di creativi lottava per l’equiparazione dei lavori creativi a quelli di manovalanza: non si paga l’antennista in visibilità!

E allora ho capito!
(Avviso: sto per diventare volgare).
Cara Ministra, lei non ha chiesto ai creativi di “dare la testa” a favore della causa. NO! Lei ha chiesto ai professionisti italiani (nella maggior parte dei casi freelance che lottano contro la bancarotta perché, deve saperlo, in Italia le Partite IVA sono supertassate) di darle il culo!
Perché pagare in visibilità è sfruttamento e, non sono un giurista, credo sia un tantino illegale.
Lo ammetto: sono stato volgare ma almeno io non rappresento un Ministero.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *